Carrello

Guida ed elenco delle buone consociazioni di piante nell’orto urbano

Pubblicato da Marta Ghigliotti il
Guida ed elenco delle buone consociazioni di piante nell’orto urbano

Che cosa sono le consociazioni?

Tutti noi abbiamo una famiglia, dei migliori amici, ma anche dei rivali, o qualcuno che proprio non ci sta simpatico! 

Tu sceglieresti mai di andare a convivere con una persona con cui non ti trovi bene?

La stessa cosa succede con le piante: si chiama consociazione!

Alcune combinazioni, infatti, funzionano benissimo; altre, invece, potrebbero addirittura essere dannose e vanificare quanto in coltivazione all’interno dell’orto.

La consociazione consiste nel coltivare le piante che interagiscono bene insieme, scambiano sostanze nutritive, attirano o allontanano insetti differenti con i loro fiori e con i loro profumi, ombreggiano il suolo e lo mantengono umido.

Perché è così importante associare correttamente le piante?

Le consociazioni per un orto sul balcone ricco di nutrienti è a prova di parassiti:

Ovunque, anche se in città e sul balcone certamente meno, dovremo fare i conti con gli ospiti indesiderati dell’orto: insetti e parassiti. 

La tecnica della consociazione è efficace non solo per la migliore crescita e la resa degli ortaggi, ma anche per proteggerli dall’attacco nemico.

A maggior ragione, quando lo spazio è limitato e si vuole sfruttare la superficie del proprio terrazzo, la consociazione si rivela un alleato importantissimo per la crescita di ortaggi e piante che giocano in squadra per allontanare insetti fastidiosi anche per noi. 

Ci sono infatti alcune piante che fungono naturalmente da anti-parassitario, respingendo mosche e zanzare grazie al loro odore. Proprio per questo motivo creare un orto sinergico, con diverse piante (e quindi diversi odori) diventa un'arma infallibile per proteggere il proprio orto. 

Addio alle noiose zanzare quindi, senza uso di schifezze chimiche e tossiche!

Avrai una concimazione spontanea e strategica:

In alcuni abbinamenti avviene infatti un ricco scambio di sostanze nutritive, che rinforza il lavoro della concimazione e supporta la crescita delle piante coinvolte nel binomio della consociazione.

Tutto ciò porta ad un miglioramento delle produzione da parte delle piante, che si tratti di fiori oppure di frutti, poco cambia. Se impariamo come fare le consociazioni con le piante presenti sul balcone possiamo arrivare anche ad evitare l’utilizzo di insetticidi e fertilizzanti, ottenendo verdure ed erbette in salute con un buon impatto sulla salute e sull’ambiente.

É una scelta di sostenibilità, non solo di giardinaggio!

Il nostro consiglio è di evitare sempre qualsiasi tipo di pesticida, tossico non solo per gli esserini che tanto ci infastidiscono, ma anche per noi stessi e per il terreno.

Esistono modi totalmente innocui e naturali per ottenere grandi vittorie: come supportare le piante con l’aggiunta di sostanze naturali per renderle ancora più resistenti e produttive come il nostro fertilizzante organico A+B a base di nitrogeno che diamo in dotazione con Poty, scopri di più sui nutrienti qui: Come scegliere il concime per l’orto urbano?

Come organizzare l’orto sul balcone urbano?  

Una piccola parentesi prima di iniziare a parlare di consociazioni: 

Per capire come abbinare gli ortaggi in modo da creare una consociazione efficace, dobbiamo innanzitutto essere a conoscenza delle caratteristiche fisiologiche e organiche delle piante che andremo a coltivare una di fianco all’altra.

All’interno di uno spazio che può essere un vaso, un bancale o un orto verticale come Poty. L’idea è quella che è necessario fare attenzione a come trapiantare le piantine tenendo conto non solo delle consociazioni (che vedremo successivamente), ma anche lo spazio che queste occuperanno con il passare del tempo: dal loro momento di crescita, producendo fiori o frutti che siano, e al loro momento di riposo. 

Sì perché ogni pianta ha il suo ritmo di crescita e bisogna rispettarlo!

Mi raccomando di seguire sempre le istruzioni sulla distanza tra una pianta e sul periodo in cui devono essere messe a dimora! Per ogni dubbio di questo genere consultate il nostro catalogo di piante dove troverai informazioni sulle cure delle piante, il loro calendario e  le migliori consociazione con cui sperimentare! 

Consociazioni orto: gli ortaggi e i loro abbinamenti

Diamo un’occhiata finalmente ai principali ortaggi coltivati in casa per vedere come e perché abbinarli tra loro.

  • Cipolle + Finocchio, carote, bietole, e spinaci

Il finocchio beneficia della vicinanza della cipolla! È positivo associare una pianta della famiglia dell’aglio, scalogno, porro, cipolla con una della famiglia della carota, finocchio e sedano. Questo perché la sinergia di queste due famiglie migliora la fertilità del suolo e insieme riescono a scacciare la mosca della cipollala mosca della carota in un colpo solo.

Ma non finisce qua: le diverse varietà di cipolle nello specifico: cipolla rossa piatta, cipollotto e cipolla rossa Fiascona si associano bene con la costa, lo spinacio e le erbette

Tutte varietà che trovi sul nostro catalogo online!

 

  • Zucchine + Erbe aromatiche 

Le zucchine sono delle grandi consumatrici di azoto, per questo vogliono qualche pianta che fissi bene l’azoto come le leguminose o le piante aromatiche. 

Prova il nostro zucchino tondo che occupa meno spazio e che quindi può ospitare nel suo vaso più varietà aromatiche: menta, timo e salvia!

Se vuoi sperimentare sapori più balsamici potrai accostare il basilico alle zucchine, le melanzane o peperoni: oltre a migliorarne il gusto (proprio come succede con il sugo per la pasta), con la sua azione antisettica contribuirà ad allontanare mosche, zanzare e pidocchi! 

 

  • Cavoli + Lattuga e Erbe aromatiche

I cavoli vanno d'amore e d’accordo con il timo e la menta, che riescono a tenere lontane le larve, la mosca del cavolo, i pidocchi e persino le formiche.

Se sei un’amante dei sapori esotici ti consigliamo di sperimentare una consociazione con il timo Limone e la menta Piperita, otterrai dei cavoli agrumati e leggermente speziati!

Ma non solo! le nostre piante di Cavolo: cavolo cappuccio rosso a punta e cavolo di Toscana crescono meglio vicino alla lattuga rossa gentile, la lattuga 4 stagioni e la catalogna.

C’è l'imbarazzo della scelta!

 

  • Fragola + Lattuga e Finocchio 

Nei vasi sul balcone potete coltivare la fragola da bosco che si adatta a vivere in poco spazio e richiede minime cure in cambio di un’abbondante produzione, questa si incastra perfettamente con la lattuga, i cavoli e il finocchio vista la poco crescita in altezza che evita la competizione per i raggi solari.

Possono essere coltivate con successo se vicine all’erba cipollina, questo perché riesce a proteggere le fragole dagli attacchi di acari, loro acerrimi nemici. 

Le consociazione infallibili

Le aromatiche si consociano con tutte le altre famiglie di piante, oltre che a conferire aromi e nutrienti benevoli al terreno.  La salvia attira le api fondamentali per impollinare e altri insetti positivi che predano i parassiti dell’orto, mentre il lemongrass è indispensabile per tenere lontane le zanzare e altri insetti! 

La maggiorana e il timo vanno d’accordo con tutti gli ortaggi, ma in modo particolare con le cipolle, ne migliorano il sapore e il profumo, attirano le amate coccinelle, insetto utilissimo per liberare l’orto dagli acerrimi nemici afidi, mentre la consociazione con il prezzemolo è un rimedio sbalorditivo contro i pidocchi e le larve degli insetti.

Piante che non vanno d’accordo tra di loro

Perché evitare di mettere le stesse famiglie botaniche vicine?

Paradossalmente mettere nello stesso vaso due componenti della stessa famiglia non è strategico! Questo perché avrebbero le stesse vicissitudine e le stesse debolezze.

Per esempio la famiglia delle Solanacee, che include melanzane, pomodoro, peperoni, ecc, non devono mai essere consociate perché attrarrebbero i medesimi parassiti e entrerebbero in competizione tra loro in quanto necessitano degli stessi nutrienti.

Altri errori da non commettere:

Ricorda di fare in modo che le piante abbiano abbastanza spazio e che non si soffochino a vicenda. È meglio optare per piante con uno sviluppo contenuto come: spinaci, ravanelli, lattuga, ecc., soprattutto se stai coltivando il vaso!

Infine non mettere ravvicinate piante che utilizzano lo stesso livello di terreno, es. patata e cipolla, ma che abbiano un diverso sviluppo delle radici, es. lattuga e cipolla.

Dopo questa carrellata di consigli su come consociare le piante, siamo sicuri che sarà tutto più semplice e non ti resta che sperimentare con le nostre piante, pensate per essere diverse dalle solite piante che trovi al supermercato! Occupano meno spazio e ti regaleranno frutti ed erbe sane e saporite, pronte per finire nelle tue ricette! 

Se dopo questo articolo Il mondo delle consociazioni ti sembra ancora difficile da capire e non sai da dove partire per coltivare sul tuo balcone, devi sapere che Hexagro ha un’alleata, si chiama Hexbee!

Hexbee è un’apetta che ti guiderà passo a passo nella coltivazione con Poty, ti svelerà tutti i trucchi del mestiere e ti risolverà ogni dubbio!

Scopri almeno 7 motivi per cui coltivare è facile con Poty!

Buone consociazioni!

Photo by Markus Spiske on Unsplash

Post precedenti Post successivi