Carrello

La mini guida per coltivare le fragole in città

Pubblicato da Marta Ghigliotti il
La mini guida per coltivare le fragole in città

La mini guida per coltivare le fragole in città

Come promesso ecco qui l'articolo dedicato alle così tanto amate fragole! 

Dolci e succose, questi piccoli frutti possono essere coltivati sul tuo balcone regalandoti davvero molte soddisfazioni.

Perché le fragole sono perfette per l'agricoltura urbana?

Per quanto risulti assurdo da credere data la diversità tra l’ambiente boschivo e quello urbano, le piantine di fragole si adattano molto bene alla coltivazione in vaso. Sono tra le piantine preferite degli urban farmer proprio perché richiedono poco spazio, cure minime e al tempo stesso possono produrre un gran numero di frutti.

Ma quali sono le più adatte da coltivare in città?

Se ne contano circa 600 varietà, ma in questo articolo faremo riferimento in modo specifico alla fragola bianca classica e alla fragolina di bosco considerate (e selezionate sul nostro catalogo) dai nostri agronomi le specie migliori per la coltivazione in balcone.

Com’è ovvio, c’è una stretta parentela tra le fragole coltivate e le fragoline selvatiche, queste ultime però si distinguono in modo netto per la grande rigorosità e resistenza alle basse temperature, tollerando valori ben al di sotto dello zero.  

Beh e ovviamente si distinguono per la loro dimensione e sapore!

Le fragoline di bosco di piccola pezzatura hanno una forma allungata e ricordano molto le fragole coltivate, ma in miniatura, e le piantine di solito non superano i 20/25 cm di altezza. 

La polpa è più morbida, dolce e profumata, ma anche più gustosa rispetto a quella delle classiche fragole. Quando si raccolgono, infatti, è difficile portarle a casa, quasi sempre vengono consumate sul momento. L’aroma dolce e rinfrescante ci riporta ai ricordi dell’infanzia, come una passeggiata domenicale nel bosco.

Come si trapiantano le piantine di fragole?

Il clima in città è più mite rispetto alle campagne, questo ci permette di iniziare la messa a dimora già da subito, invece di aspettare Aprile! Se inizi ora, parti avvantaggiato e riuscirai a vedere i tuoi primi frutti prima. 

Cosa aspetti?

Ma ricorda di scegliere una varietà resistente al freddo: la fragolina di bosco è perfetta per essere trapiantata in questo periodo, ed è molto più semplice da coltivare rispetto alle classiche fragole data la sua rusticità.

Il metodo più veloce è ordinare le nostre varietà che arrivano comodamente a casa e sono pronte per essere trapiantate nel tuo orticello.

Dai un’occhiata al nostro catalogo, troverai varietà perfette per la vita urbana!  Nel caso si mettano a dimora più piantine nello stesso vaso, è bene distanziarle le une dalle altre di almeno 20 cm, spazio necessario allo sviluppo laterale.

Una volta fatta la buca e alloggiata la piantina, con le mani si preme bene ai bordi per compattare la terra e si innaffia abbondantemente e voilà, ora non ti resta che aspettare la primavera per vedere i primi frutti di fragola!

Qui trovi una guida preziosa per la messa a dimora: 4 Elementi da considerare per la messa a dimora delle piantine”

Consigli generali da tenere a mente 

Serve un po d’ombra e un substrato drenante

Per coltivare fragoline di bosco bisogna scegliere una posizione ombreggiata, mai in pieno sole perché la luce diretta potrebbe bruciare le foglie, inoltre essendo una pianta boschiva vuole vuole un terreno sabbioso e drenante.

Una perfetta soluzione è la fibra di cocco che rispetto al classico terriccio o torba ha una consistenza molto più leggera, friabile e poi è pure eco-friendly! 

Noi di Hexagro abbiamo scelto di utilizzare la fibra di cocco come substrato per donare una seconda vita a questo sub-prodotto dell’industria del cocco ed in cambio crescere delle piantine naturali e sane, un ottimo compromesso di economia circolare alla quale puoi contribuire anche tu!   

Se vuoi saperne di più leggi perché scegliere la fibra di cocco come substrato di coltivazione?.

Ricreare l’umidità del bosco con un sistema di irrigazione

Il terriccio deve essere mantenuto sempre abbastanza umido, innaffiandolo regolarmente e costantemente in base alle condizioni climatiche e alla fase di sviluppo. Per questo l’impianto di irrigazione è fondamentale per coltivare le fragole selvatiche. 

La pianta, infatti, essendo spontanea nel sottobosco, richiede che il terreno sia sempre ben drenato, ovvero che non sia troppo bagnato e che non vi siano ristagni idrici, poiché la fragola è particolarmente sensibile allo sviluppo di marciumi radicali e del colletto.

Serve una buona dose di nutrienti!

Per avere una pianta vigorosa e produttiva, sarà necessario un terreno umido e ricco di nutrienti. Non dimentichiamoci, infatti, che di norma questi sono gli elementi che vegetano nel bosco.  

Per questo motivo se il terreno è povero, bisogna intervenire con una buona concimazione organica. La piantina di fragola così riuscirà ad assorbire nutrienti sani, a crescere bene e ad avere un sapore superlativo!  

Se sei un urban farmer la via più semplice è somministrare un concime liquido preferibilmente BIO, facile da usare e che non sporca! Potrai comodamente diluirlo nell'acqua e irrigare le piantine, o meglio ancora se vuoi che qualcuno faccia il lavoro al posto tuo! Dai un occhiata ai nuovi sistemi di fertirrigazione che svolgono due azioni in una: concimazione e irrigazione.

Non perderti il video della nostra agronoma Sara Petrucci che spiega come curare le piante di fragola con successo ed evitare l'insorgenza di malattie. 

Coltiva le tue fragole con semplicità: scopri Poty, l'orto che ti guida a coltivare! 

Se solo all’idea di tenere a mente tutte le accortezze che abbiamo descritto qui sopra ti viene il mal di testa, sarai felice di sapere che con Poty, l’orto verticale automatizzato sviluppato da Hexagro puoi ricevere tutto il necessario direttamente a casa con un click.

Nello starter kit insieme a Poty arriverà tutto il necessario per iniziare a coltivare: substrato di fibra di cocco, sostanze nutritive di alta qualità e la guida alla coltivazione digitale con il calendario delle piante e consigli su tutte le varietà che stai coltivando (le fregole sono tra le nostre preferite) e molto altro ancora.

Il gioco è fatto!

Ti basterà trapiantare i germogli delle fragoline nei livelli medi di Poty e le tue piantine avranno l'esposizione di mezz'ombra adatta a non ricevere i raggi diretti del sole, il sistema di fertirrigazione a goccia automatizzato manterrà il terreno sempre umido, e i nutrienti BIO garantiranno un gusto incredibile ai tuoi frutti.

Scopri come iniziare la tua coltivazione di fragole con Poty ora! 

Post precedenti Post successivi