Carrello

Come preparare il tuo orto sul balcone per l'inverno

Pubblicato da Marta Ghigliotti il
Come preparare il tuo orto sul balcone per l'inverno

Parlare di orto invernale sul balcone può sembrarti spiazzante, è vero, ma in realtà sono molti gli ortaggi che si possono coltivare tranquillamente in vaso anche nella stagione più fredda!

Accostando con gusto e fantasia ortaggi diversi per forma, portamento o semplicemente per gradazione cromatica è possibile creare un bellissimo e ricchissimo orto.

Le stagioni fredde non vengono immediatamente associate all'agricoltura nello scenario comune (e i nostri balconi diventano tristi e spenti!) ma in realtà la natura riesce ad adattarsi perfettamente a qualsiasi condizione climatica, se prestiamo le giuste attenzioni e scegliamo le giuste varietà, qui il nostro catalogo piante.

Se stai cercando un modo originale di organizzare il tuo orto, potrai trovare qualche spunto leggendo: "Orto verticale vs orto tradizionale sul terrazzo: quali sono le differenze?"

Da dove vogliamo iniziare per organizzare il nostro balcone e renderlo coloratissimo anche d’inverno?

  • Se non l'hai ancora fatto, è ora di fare pulizia!
  • Un vaso sporco è brutto da guardare, e rischia anche di offuscare l’immagine delle piante. Inoltre la sporcizia può essere la causa di muffe, marciumi radicali, batteri, funghi e malattie delle piante: tutti buoni motivi per intervenire e pulire i vasi delle piante. Durante l’autunno negli angoli del balcone, dentro alle fioriere e fra un contenitore e l’altro si è formato da un esercito di batteri in costante crescita, tra cui sguazzano  anche patogeni e parassiti delle piante (e l’umidità elevata di questo periodo non aiuta). 

    Per questa ragione pulire non basta bisogna sanificare il balcone.

    • Iniziamo subito a svuotare i vasi esauriti

    Mettiti i guanti, prendi delle forbici, inizia a tagliare la base delle piante secche oppure a sradicarle, e riponi i resti insieme al substrato in un sacco di raccolta.

    Anche se il terriccio può sembrare in buone condizioni, non può essere considerato di grande qualità perché privo di nutrienti, esausto dall’azione delle piante. Eventualmente se hai un giardino potrai usare gli scarti dei tuoi vasi per rifornire le aiuole o i piedi delle siepe, o perchè no, anche destinare uno spazio alla realizzazione di compost!

    Se per caso volessi dare una seconda vita al tuo substrato assicurati che non ci siano eventuali larve di insetti. In genere si tratta di grosse larve biancastre piegate a “C”, che restano per tre anni nel terreno e si cibano delle radici delle piante, specialmente delle orticole.

    • Ora tocca a vasi sporchi

    Inizia a pulire le pareti dei vasi a secco per cercare di togliere più detriti possibili. Se il terriccio è umido si possono lasciare asciugare un po’ così che la polvere si stacchi più facilmente mentre eseguiamo le operazioni seguenti.

    Metti i vasi in acqua tiepida e lasciali in ammollo per un buon quarto d’ora e non dimenticare di aggiungere una sostanza disinfettante per eliminare ogni nemico!

    Tra gli insetticidi naturali più comuni ed efficaci troviamo:
    1) il sapone di Marsiglia: che ha grandi proprietà in fatto di pulizia dei vasi. Prendi una bacinella e versa dell'acqua tiepida poi aggiungi 2- 3 misurini di sapone di Marsiglia liquido, se hai la saponetta ti basterà sciogliere 2-3 pezzetti direttamente nella bacinella. Inizia a strofinare bene i vasi in ammollo fino a rimuovere lo sporco dai vasi.

    2) il bicarbonato: per smacchiare le superfici dei vasi basta tenerli a mollo per 30 minuti circa in una soluzione acquosa con del bicarbonato dissolto, che può essere usato in combinazione con l’aceto o con il succo di limone per un’azione più efficace in caso di residui ostinati. 

    3) aceto di vino bianco: (che di sicuro avrai nella dispensa) un ottimo insetticida naturale per le piante. Con questo potrai realizzare una miscela composta da una parte di aceto bianco e quattro o cinque parti di acqua calda. Unisci qualche goccia di detersivo naturale per i piatti e lascia i vasi in ammollo per circa un'ora (tutta la notte in caso di sporco ostinato).

    In entrambi i casi potrai aiutati con una spazzola dalle setole resistenti per rimuovere le incrostazioni di terriccio e sali minerali dai vasi e sottovasi.

    Ora risciacqua i vasi e sottovasi in un secondo secchio con acqua pulita per eliminare per una volta per tutti i detriti.
    Una volta sciacquati bene lascia asciugare i vasi e poi impilali uno dentro l’altro a testa in giù. 

    Per chi sta invece coltivando con il nostro caro Poty troverà tutte le informazioni e i migliori consigli per montare i vasi e pulirli a dovere sull’app di Hexbee, sarà anche un'ottima occasione per ripulire tutti i tubi e la pompa così da garantire un’irrigazione efficace, senza intoppi.

  • Rifornimento di risorse per partire con la coltivazione
  • Per ricominciare a coltivare bisogna sicuramente fare il pieno delle risorse necessarie e se stai coltivando in vaso devi per forza conoscere un nuovo materiale, la fibra di cocco, perfetta per la vita in città e per la crescita di ogni genere di piante. Data la sua porosità garantisce un drenaggio veloce evitando così i marciumi, principale causa di morte delle piante.

    Per renderti meglio l’idea puoi dare un occhiata a questo prodotto sulla nostra pagina e puoi leggere l’articolo dedicato: "Perché scegliere la fibra di cocco come substrato?".

    Ora passiamo ai concimi, e se ancora non lo sai, devi sapere che senza di loro le piante potrebbero imbattersi in acciacchi, causati dalle poche energie e dall’assenza dei nutrienti.

    Ce ne sono una miriade e a volte, anzi spesso, è possibile fare confusione e comprare qualcosa di inadatto per l’orto. Per riuscire ad orientarti meglio abbiamo scritto una piccola guida: "Come scegliere il concime per l’orto urbano?".

    Non ti serve niente altro, oltre a un po’ di pazienza e di amore, ingredienti necessari per vivere a pieno il proprio orto che con le giuste cure e consigli ti regalerà molte soddisfazioni!

    Non ci rimane che..

  • La scelta delle piante 
  • Se in linea teorica è possibile coltivare qualsiasi pianta da orto sul terrazzo, ci sono alcuni ortaggi che più si prestano alla stagione freddolosa che stiamo affrontando. Ecco gli ortaggi di stagione più adatti per il vostro orto invernale sul balcone:

    Potrai darti alla pazza gioia con le verdure a bulbo tra le quali: 

    Cavoli di ogni colore e genere:

     Delle classiche aromatiche:

    Controlla la disponibilità di queste varietà sul nostro sito.

  • Scegliere il posizionamento
  • L’inverno è un periodo delicato. Evita i cambi repentini di temperatura, non spostare le piante in diversi ambienti, anche se per breve tempo. 

    Se stai coltivando all’esterno e hai la possibilità di scegliere, è importante scegliere un'esposizione più soleggiata possibile per garantire più ore di luce: idealmente 6-8 ore. Se invece non hai scelta e ti tocca coltivare in una zona un po’ più ombrosa cerca di riparare al meglio il tuo orto dalle gelate e dal vento, ponendo le tue piantine in un angolo meno esposto oppure attrezzandoti con un tessuto non tessuto, (un materiale che funge da protezione per il freddo) posizionato al lato o sopra ai tuoi vasi.

    Per evitare gelate al terreno possiamo disporre di una pacciamatura nel vaso, ossia ricoprire il piede delle piante con uno strato di paglia, in modo da mantenere una temperatura più elevata nel vaso e ridurre la possibilità di marciumi, più frequenti in questa stagione piovosa.

    Se anche tu stai sfruttando l’altezza per ottimizzare lo spazio, qui potrai trovare più dettagli sul posizionamento ideale per ogni varietà: come posizionare le piante su Poty e se stai già coltivando con Poty, allora troverai già tutto nell’app Hexbee.

    Hai deciso di coltivare in casa perchè il tuo clima esterno è troppo ostinato?

    Cerca un luogo luminoso dove tenere le tue piante alla portata di raggi solari, il posto migliore è sicuramente vicino alla finestra, o meglio ancora in veranda. Puoi valutare, in caso di necessità, di usare delle lampade apposite per la coltivazione indoor.

    Attenzione alle fonti di calore e alle correnti di aria fredda: tieni le piante in casa lontano da riscaldamenti e da finestre o porte che vengono aperte troppo spesso.

    Le piante dell'orto hanno bisogno di cure specifiche, specialmente in inverno. 

    Siamo pronto per coltivare?

    Ora che hai una idea dei lavoretti da fare per iniziare l’orto invernale potrai iniziare la tua avventura zen all’insegna di verdure e erbe fresche anche in questi periodo più grigio dell'anno e se non ti fosse bastato questo articolo trovi molti altre dritte qui: "Consigli per l’orto invernale, anche in città".

    Buona coltivazione!

    Post precedenti Post successivi